Obiettivi formativi

Il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica ha come obiettivo la formazione di laureati di elevata specializzazione nei diversi settori dell'elettronica dotati, nel contempo, di solide basi metodologiche nell'area più vasta della ingegneria dell'informazione. La preparazione del laureato magistrale è tale da renderlo in grado di operare nei numerosi settori applicativi che ne utilizzano le competenze, di recepire, gestire e promuovere l'innovazione tecnologica, adeguandosi ai rapidi mutamenti tipici dei settori ad alta tecnologia. Il Corso di Laurea Magistrale fornisce in particolare le basi culturali e le capacità tecniche necessarie per progettare sistemi, circuiti e componenti elettronici di elevata complessità.

Con riferimento alle proprie competenze specifiche, il laureato magistrale in Ingegneria Elettronica ha la capacità di:
- analizzare il comportamento dei sistemi elettronici complessi e di valutarne le prestazioni, anche in termini affidabilistici;
- definire e progettare sistemi, circuiti e componenti elettronici, effettuando consapevolmente le scelte tecnologiche e metodologiche orientate ad ottimizzarne le prestazioni;
- organizzare e gestire la produzione, ingegnerizzazione, manutenzione ed esercizio di sistemi elettronici;
- operare con competenza in tutti i settori applicativi che richiedono l'utilizzo di sistemi o componenti elettroniche, agendo efficacemente in contesti fortemente multidisciplinari;
- favorire e gestire l'innovazione nel proprio contesto operativo, con riferimento all'evoluzione e allo sviluppo delle tecnologie dell'informazione in generale e dell'elettronica in particolare.

Articolazione del percorso formativo

Il percorso formativo della Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica è composto da un primo anno volto a completare le conoscenze di base acquisite nella Laurea triennale con ulteriori e più approfondite competenze di natura generale, necessarie allo sviluppo delle capacità di analisi e progettazione caratteristiche dell'Ingegnere Magistrale, nonché a fornire le prime competenze specialistiche nei due ambiti principali sui cui si concentra il corso di studio: l'elettronica per l'automazione industriale e la microelettronica. In particolare, vengono approfonditi in questa fase i concetti relativi al funzionamento dei dispositivi a semiconduttore, le metodologie di misura e le caratteristiche di sensori e strumentazione, le architetture di principio dei sistemi digitali complessi, i convertitori elettronici di potenza e i sistemi di potenza, e si affrontano materie specialistiche quali la progettazione analogica e gli azionamenti elettrici per l'automazione. Già in questo anno è riservato ampio spazio alle attività di progettazione e di sperimentazione in laboratorio.

Nel corso del secondo anno, gli studenti affrontano la progettazione dei circuiti digitali e possono arricchire il proprio curriculum con insegnamenti caratterizzanti nei campi dell'elettronica industriale, delle tecnologie elettroniche, dei sistemi "embedded" e dei dispositivi fotonici. Devono poi acquisire crediti nell'ambito delle conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro con delle attività di tirocinio o con insegnamenti che prevedono prevalentemente attività di laboratorio.

In questo anno vengono inoltre collocate le attività a scelta libera dello studente e viene lasciato ampio spazio alla Prova Finale, di impegno significativo, per la cui preparazione lo studente affronta problematiche di elevato contenuto tecnico, scientifico e professionale.

Lo studente potrà svolgere attività formativa (esami, tirocinio e tesi) all'estero nell'ambito di programmi di internazionalizzazione.